Cronistoria



1894
Il fabbro artigiano Ludwig Binder fonda a Graz-Eggenberg una piccola officina meccanica. Nei decenni successivi l’attività principale riguarda le costruzioni in ferro.
 
1926
Il dr. Alois Sernetz, genero del fondatore, assume la direzione e guida l’impresa attraverso le difficoltà della crisi economica.
 
dal 1940
Dopo gli anni della recessione, all’inizio degli anni 1940 si ha una ripresa economica. Nasce un’azienda industriale media con oltre 150 collaboratori.
 
1954
Viene sviluppato il promettente  „Sistema Binder“ per macchine di vagliatura a vibrazione, inizialmente impiegate nell’industria alimentare.
 
1960
L’azienda di trasferisce da Graz nella nuova sede a Gleisdorf, dove vengono prodotti i primi impianti di trattamento per minerali industriali per l’edilizia.
 
1971
Per assicurare la vendita a livello mondiale delle macchine Binder+Co, l’azienda viene incorporata nel Gruppo pubblico Voestalpine. Vengono progettati e  costruiti i primi grandi impianti per la lavorazione dei minerali industriali.

1978
Binder+Co sviluppa i primi impianti d’imballaggio per materiali sfusi liberamente scorrevoli.

1989
Produzione delle prime macchine per il riciclaggio, impiegate per la selezione del vetro di recupero.

1991
L’azienda viene riprivatizzata quale parte della Auricon Beteiligungs AG.

1999
Assieme alla Waagner-Biro AG l’azienda viene scorporata quale società per azioni autonoma.

2006

Dal mese di dicembre Binder+Co AG è quotata alla Borsa di Vienna nel terzo mercato non regolamentato.

2007
Binder+Co AG viene inserita in Borsa a  metà giungo nel nuovo segmento mid market e poco dopo trasferita nel libero mercato regolamentato.
 
2008
All’inizio di marzo 2008 il Gruppo Waagner-Biro si ritira completamente.
Con l’apporto delle attività della Tecnica di imballaggio in una Joint Venture la Binder+Co AG diventa nell’ottobre 2008 con il 50,7% socio maggioritario della Statec Binder GmbH.

2009
Con il 21 settembre il titolo della Binder+Co AG viene accolto in Borsa nel mid market continuous.

2010
Per la prima soluzione a livello mondiale per la selezione di frammenti di vetro resistente al calore, adatta per impieghi industriali, Binder+Co riceve il premio dello Stato austriaco per l’innovazione.  
Prima introduzione sul mercato di MINEXX, un modulo per la selezione di minerali.

2011
Binder+Co viene premiata con il premio dello Stato austriaco per la sicurezza sul lavoro e a Berlino con il  Best Open Innovator Award quale migliore azienda tra le PMI dell’area G-A-CH.
Nel mese di luglio viene acquisita un’azienda meccanica italiana, specializzata nella tecnica della frantumazione che viene inserita nel Gruppo con la ragione sociale Comec-Binder S.r.l.

2012
Con la fondazione della nuova filiale Bublon GmbH la Binder+Co AG amplia la propria competenza nel pretrattamento termico. La tecnologia BUBLON, presentata per la prima volta nell’autunno 2011, è un procedimento per la produzione di un materiale base interamente naturale per materiali edili con eccellenti caratteristiche coibenti e isolanti.


ulterior

:: Galleria